L’offerta di giochi legale in Italia: slot machines, table games, giochi progressivi e casinò dal vivo

I primi casinò online legali in Italia si sono affacciati al mercato interno a partire dal 18 luglio 2011, quando i primi operatori titolari di una concessione GAD (gioco a distanza) rilasciata dall’AAMS hanno aperto i propri battenti virtuali al grande pubblico.

A far data da allora l’offerta di giochi online si è di molto ampliata, ed oggi (siamo sul finire del 2016) nelle piattaforme online si trovano giochi di tutti i tipi, dalle slot machines online (alcune con jackpot progressivo) ai giochi da tavolo tradizionali (come blackjack, roulette, etc.), ai videopoker nelle loro molteplici varianti, fino ai giochi con croupier e dealer in diretta, che tentano di ricreare l’atmosfera dei casinò reali (i cosiddetti casinò terrestri, mutuando una “brutta” espressione anglofona).

Sebbene fossero partiti nel 2011 per così dire “ad handicap”, essendo i casinò online legali in Italia sprovvisti nel primo periodo delle slot machines online, essi avevano fin dal principio provato a differenziarsi gli uni dagli altri sia per le diverse varianti dei giochi da tavolo e dei videopoker proposti, sia perchè alcuni di essi avevano puntato “ab principio” (parliamo di brand come 888, William Hill, Titanbet ed Eurobet, solo per citarne alcuni dei più conosciuti) sui casinò dal vivo proponendo diversi tavoli di roulette, blackjack e (in alcuni casi) baccarat live.

A questa iniziale diversificazione contribuirono in parte anche i cosiddetti “giochi arcade” che hanno, fino all’introduzione delle slot machines online datata 3 dicembre 2012, costituito un vero e proprio “fenomeno” nel gioco italiano, fenomeno ormai quasi del tutto scomparso se non per alcuni “titoli” che hanno resistito anche alla concorrenza delle slots per la popolarità che avevano raggiunto nel mentre.

Ma a partire dal 3 dicembre, come già anticipato, le slot machines online furono introdotte legalmente, e non solo tutti i brand già presenti nel nostro mercato si attrezzarano per inserirle nelle proprie piattafome, ma anche altri brand, ancora non concessionari, entrarono nel nostro mercato (la cosiddetta seconda ondata) proprio a partire da quel momento, potendo sfruttare tutta la potenzialità e l’attrattiva che le slot machines online esercitavano sul pubblico.

A partire da allora i diversi casinò online presenti in Italia si sfidano dunque, soprattutto, a “colpi di slot” anche se una parte del pubblico appassionato di casinò continua a preferire i tavoli verdi o i videopoker.

Se inizialmente ogni casinò online aveva “scelto” una piattaforma software esclusiva, come ad esempio quella Playtech il casinò William Hill o Titanbet, quella Netent lo Starcasinò, quella Microgaming i casinò Betway e Voglia di Vincere, con il passare degli anni, e la sempre maggiore richiesta di giochi “differenti”, alcuni grandi brand hanno aperto a soluzioni “multipiattaforma”, con un software di riferimento, ma con l’inserimento di giochi (soprattutto slot machines online) da altre piattaforme, in modo da ampliare l’offerta per i giocatori. Inoltre il vantaggio di avere a disposizione giochi da più piattaforme differenti, è rilevante anche da un altro punto di vista: alcuni giochi sono decisamente popolari (ad esempio la slot machine Gonzo’s Quest della piattaforma Netent, o quelle Marvel della piattaforma Playtech) ed i brand che riescono ad inserirne il più possibile nella propria offerta da un lato offrono più scelta ai nuovi giocatori, e dall’altro lato fidelizzano quelli presenti, che non cercano altri casinò online per giocare ai propri giochi preferiti.

 

 

 

I casinò dal vivo: in streaming od in TV

Una delle prime novità introdotte, fin dall’avvio del mercato interno legale dei casinò online, è stata la possibilità di giocare dal proprio computer in modo “quasi reale” grazie ai cosiddetti casinò dal vivo o live casinò. Si tratta in realtà di una forma di gioco a distanza che prevede la partecipazione dell’utente, tramite un’interfaccia di gioco appositamente progettata, ad una sala reale di casinò, dove un dealer (nel caso dei giochi di carte, come il blackjack od il baccarat) od un croupier (nel caso della roulette), conducono i tavoli come se si trattasse effettivamente di un casinò reale.

Il primo casinò dal vivo ad essere operativo è stato quello del famoso operatore 888, che fin dal primo giorno di operatività (che è coinciso proprio con la data del lancio di questa tipologia di giochi in Italia, ovvero il 18 luglio 2011) è riuscito ad aprire i battenti tanto con il casinò virtuale (il classico casinò online) che con la piattaforma in streaming del casinò live. Da allora, anche perchè nel primo periodo di lancio dei casinò legali in Italia il novero dei giochi “legalizzati” era decisamente poco vario per l’assenza delle slot machines online (regolamentate solo in seguito, a partire dal 3 dicembre 2012), moltissimi altri operatori hanno puntato su questa particolare modalità di esercizio del gioco a distanza, modalità che ha riscosso un notevolissimo successo tra il pubblico italiano.

E così si nel corso dei mesi successivi al luglio del 2011, moltissimi operatori che avevano già ricevuto la concessione AAMS per l’esercizio del casinò virtuale hanno colto l’occasione ed hanno lanciato la propria piattaforma live, per andare incontro al gusto degli italiani che dimostrava una maggior curiosità proprio verso questa forma ibrida di gioco a distanza. Solo a titolo esemplificativo, e quindi senza la presunzione della esaustività, possiamo ricordare come abbiano aperto il casinò dal vivo di William Hill, quello di Titanbet, lo Starcasinò, il casinò Unibet, i casinò dal vivo di Lottomatica con CasinoClub e del Sisal Casinò, quello di Eurobet, e non continuiamo oltre per non tediare oltre il lettore con uno sterile elenco; insomma il mercato dimostrava interesse verso il “gioco live” e gli operatori adeguavano la propria offerta a questo crescente interesse.

Alcune offerte, poi, partendo dal concetto del gioco online dal vivo, hanno tentato di “incrociare” differenti media, unendo allo “streaming” per computer anche delle trasmissioni in diretta TV, su canali specifici satellitari o del digitale terrestre, come nel caso dell’operatore Winga, che è stato il primo (ed uno dei pochi) a puntare su quel che potremmo definire un gioco online ed in diretta televisiva contemporaneamente. Insomma la TV, uno degli strumenti che gli italiani considerano più familiari (ed anche più “attendibili”) è divenuto il luogo “virtuale” dell’esercizio delle puntate che si effettuavano attraverso un interfaccia grafica, con il computer che diventava un evoluto “telecomando interattivo” e catapultava il giocatore direttamente sul tavolo verde che vedeva comodamente sul proprio televisore.

L’offerta dei giochi “live”, sia pure da parte dei diversi operatori (a cui abbiamo sopra accennato, fornendone un elenco simbolico) si limita sostanzialmente ai tre giochi da tavolo più famosi: il blackjack, il baccarat e la roulette. In genere ci sono differenti feed di streaming o se volete “canali”, sia per il tipo di gioco, sia per il tipo di tavolo, che può essere del medesimo gioco ma con limiti minimi e massimi di puntata differenti; una buona offerta di giochi live quindi spazia tra questi tre giochi proponendo almeno due tavoli per gioco, in modo da poter incontrare il gusto ed “il portafoglio” dell’utenza più variegata.

In realtà pochi dei casinò online concessionari in Italia hanno optato per tutti e tre i giochi citati; solo alcuni infatti offrono la possibilità di giocare al “baccarat live” che rimane, per così dire, un gioco di “nicchia”; potremmo quindi dire con una certa verosimiglianza all’offerta reale presente in questo momento che la maggior parte dei casinò online che offrono il gioco live, puntano decisamente soprattutto su blackjack e roulette dal vivo.